Sicurezza informaticaAnche i Mac nel mirino degli hacker: +230% di malware in un anno | Jump Computer

28 Agosto 2017by Elisa

C’era un tempo in cui i sistemi Mac, assieme a quelli Linux, erano considerati al di sopra di qualsiasi minaccia informatica. Una sorta di paradiso degli internauti, che potevano navigare senza correre alcun rischio perché i malware, sui dispositivi Mac, si contavano sulle dita di una mano.

Beh, se eravate fermi a questo scenario, dobbiamo farvi ricredere: anche Mac, come Windows, è diventato un bersaglio molto ambito dagli hacker, con una crescita di minacce malware nell’ultimo anno di ben il 230%!

Come si diffondono i malware

Stando al report stilato da Malwarebytes, sono diversi i metodi utilizzati dalle minacce informatiche per infiltrarsi nei nostri computer: dagli adware ai programmi non desiderati che si installano in automatico a seguito di una nostra disattenzione, passando per la finestra più gettonata, l’App Store ufficiale Apple.
È infatti lo store ufficiale degli iMac e Macbook la via più rapida per diffondere i malware: App gratuite e software fasulli dal nome molto simile a quelli ufficiali fanno sì che utenti poco attenti o poco informati installino i software, e così facendo infettino i propri PC.

Alla luce di questi dati, è facile prevedere che nei prossimi mesi vedremo diffondersi sempre di più antivirus e antimalware anche per i dispositivi Apple, non più snobbati dagli hacker.